nacimiento-venus

Recensione di “La nascita di Venere”

PANORAMICA: La tabella discuterà questa volta è “La nascita di Venere”, realizzato in tempera su tela dal pittore Sandro Botticelli nel 1485. Si tratta, quindi, a dipinti rappresentativi del Rinascimento italiano in particolare il periodo di Quatrocentto.
Analisi del lavoro: La scatola è composta da quattro figure, tre femmine e un maschio. Il centro della composizione è occupato da una figura femminile nuda identificato con Venere. Occupa l’asse centrale immaginario di un triangolo formato da due diagonali creati sulla destra da un’altra figura femminile, forse Flora, come si potrebbe dedurre dalla cintura di rose, o di una delle Ore, vestito con abiti floreali e in attesa della dea con un mantello fluttuanti in senso contrario all’avanzamento dei giovani, dalla forza del vento che soffia lato due figure

contrario, un maschio e una femmina si identificano come i venti Zefiro e Aura. La scena si svolge in un paesaggio formato dal mare turchese e la spiaggia con erba e alcuni alberi sulla nostra destra. Questa è una linea idealizzato con tutta la scena paesaggio.
Per quanto riguarda la tecnica, prevalentemente disegnare linee precise ai contorni delle figure, vestiti e paesaggi. Tuttavia, l’intera composizione è caratterizzata dall’uso di linee sinuose, come il corpo di Venere stessa, che adotta il classico Contrapposto posizione. Questa posizione, per cui il giovane dea è sceso il suo peso sulla gamba sinistra mentre si flette e retocede sinistra, è direttamente ispirato dalla statuaria greca, anche se nel caso di questa figura tutto il peso si sposta al il nostro diritto, creando una sensazione di leggerezza, come se lo scorrimento sulle onde verso la riva.
Per quanto riguarda i colori utilizzati, prevalentemente chiara tavolozza di colori pastello come il turchese, verde, azzurro, rosa e arancio accompagnato da accenti d’oro sulle ali dei venti. uniforme della luce, proprio dai nostri viaggi scena e figure di modello e ambiente senza grandi contrasti di luce e ombra.

Revisione del progetto: Come il titolo che abbiamo già sottolineato, il dipinto raffigura la nascita mitologica della dea Venere. Nato dalla schiuma del mare vicino a Paphos (Cipro), dopo essere stato gettato dai testicoli di Urano Cronos mare Zephyr collocato su un guscio perlato ed ha guidato per l’isola di Citera, dove le ore sono stati responsabili per la loro istruzione . Fedele alla storia mitologica, il pittore ci mette a venti Aura, il vento da est, e il cui respiro Zephyr fiori primaverili e guidare alla dea a riva, dove l’attesa probabilmente Flora e lo mise sotto il mantello.

Recensione di “La nascita di Venere”

Post navigation


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *